Moria di pini e fondi non usati, Raggi chiarisca

03/09/2021

“Ha il numero di registro ufficiale U0341088 l’atto datato 15 aprile 2021, con cui la direzione regionale Parchi e aree protette rende noto al direttore del dipartimento Tutela ambientale di Roma capitale, architetto Nicola Bernardini, di mettere a disposizione del Campidoglio 500mila euro per interventi di endoterapia volti alla cura dei pini colpiti dalla Toumeyella Parvicornis, meglio conosciuta come cocciniglia”. 

Lo dichiara il candidato consigliere comunale nella lista della Lega Michel Maritato, in tandem con Simonetta Matone, che spiega: “Ė sotto gli occhi di tutti la lenta agonia dei pini, celebrati da scrittori, pittori e musicisti come eterno simbolo di Roma, a cui questa amministrazione sembra essere del tutto indifferente. Gli unici interventi eseguiti da una ditta campana, ne hanno visto purtroppo l’abbattimento o la potatura selvaggia, in un periodo tra l’altro sconsigliato. “Ci ha sorpreso perciò trovare in alcuni grandi parchi romani, volontari chechiedono sottoscrizioni per pagare interventi di endoterapia, gli unici risolutivi in questi casi, perché il comune non mette a disposizione le proprie risorse.” Il candidato chiarisce che per gli uffici capitolini, si tratterebbe soltanto di rispondere alla Regione, per mettere in atto l’ter amministrativo di trasferimento dei fondi. “Le cose sono due – incalza Maritato – o ci troviamo di fronte a un ingiustificabile ritardo che sta causando la strage dei secolari alberi, di cui comunque l’amministrazione dovrà rispondere, oppure i fondi sono stati incamerati ma restano in qualche cassetto, non si sa per quale motivo. Non vorremmo si tratti delle solite scaramucce tra Raggi e Zingaretti. Nel rispetto della trasparenza, l’amministrazione comunale deve renderne conto. I cittadini hanno il diritto di sapere”.  

​​​​​​​​​​Roma, 3 settembre 2021