LA ROMA VINCE MA NON CONVINCE/ Contro il Gent in Europa League, l’unica nota positiva è il risultato

21/02/2020

di FABIO CAMILLACCI/ Per il calcio italiano, si chiude positivamente la prima due giorni di Coppe Europee: dopo l’Atalanta nell’andata degli ottavi di finale di Champions, vincono anche Inter e Roma nel primo match dei sedicesimi di Europa League. Successi di peso diverso però per nerazzurri e giallorossi perchè mentre la squadra di Conte con il 2-0 in casa dei bulgari del Ludogorets ipoteca di fatto il passaggio agli ottavi di finale, l’1-0 con cui la compagine capitolina esce dall’Olimpico nella sfida contro il Gent non lascia sereni in vista del ritorno in Belgio. Soprattutto alla luce del momento difficile di Dzeko e compagni.

Un brodino per i giallorossi: contro un buon Gent basta il lampo iniziale di Carles Perez. Lo spagnolo ex Barcellona arrivato dal mercato di gennaio segna al 13′: partita combattuta, col portiere romanista Pau Lopez che rischia grosso in più di un’occasione. Il 27 febbraio in terra belga servirà decisamente un’altra Roma per passare il turno. Sono soltanto tre le note positive per la squadra di Fonseca in crisi nera da oltre due mesi: la vittoria, il fatto di non aver subito gol e la prestazione del 22enne attaccante catalano. Finalmente un successo, dunque, dopo tre sconfitte di fila in campionato che hanno compromesso il cammino verso il quarto posto.

Serviva assolutamente una vittoria per risollevare un morale sotto i tacchi: la vittoria è arrivata, ma, la Roma rimane molto malata e l’approssimativa prestazione contro i belgi lo conferma. Dato che per quanto visto in campo e per le occasioni create, il Gent avrebbe meritato il pareggio. Tornando ai singoli, Carles Perez a parte, bene il solito Smalling e Veretout che almeno rispetto agli altri ha lottato su ogni pallone. Di Dzeko si ricorda solo l’assist per il gol del prodotto della “Cantera” blaugrana. Male, malissimo, invece: Kolarov, Cristante e Pellegrini, uscito addirittura tra i fischi.