ROMA, UN ALTRO TRIS/ I giallorossi dominano a Istanbul ipotecando il passaggio del turno in Europa League

28/11/2019

di FABIO CAMILLACCI/ Nella quinta giornata del Gruppo J d’Europa League, la Roma vince 3-0 contro il Basaksehir e si avvicina alla qualificazione ai sedicesimi di finale. A Istanbul, davanti a Erdogan (primo tifoso della squadra di casa), la compagine di Fonseca chiude i conti già nel primo tempo grazie a un calcio di rigore trasformato da Veretout e alle reti di Kluivert  e Dzeko. I giallorossi scavalcano così i turchi in classifica e nell’ultimo turno, contro il Wolfsberger, basterà un pareggio.

Una dimostrazione di forza, quella dei giallorossi, che dal 30′ al 45′ infilano tre reti ai turchi per poi amministrare con estrema tranquillità nella ripresa. La classifica ora vede la squadra di Fonseca al secondo posto con 8 punti, gli stessi del Monchengladbach che però è in vantaggio negli scontri diretti. Il Basaksehir è terzo con 7 punti e, nell’ultimo turno, affronterà proprio i tedeschi in Germania. Questo significa che alla Roma, nel match casalingo con il Wolfsberger già eliminato, basterà anche un pareggio per superare il turno.

La partita di Istanbul. Fonseca a Istanbul si presenta con la migliore formazione possibile ed è una prima prova chiara di quanto la Roma tenga alla competizione. La seconda dimostrazione, invece, arriva dal campo, con i giallorossi che si scatenano nella metà campo avversaria con ritmo, palleggio, forza e talento. Zaniolo è devastante in verticale al 22′, quando cade a due passi dal portiere dopo un contatto con Ponck: l’arbitro non concede il rigore, che invece arriva al minuto 28.

Kolarov da sinistra pesca Pellegrini, il cui tiro mancino viene respinto dal braccio di Topal: dal dischetto si presenta Veretout, che spiazza il portiere e sblocca la partita. La Roma, già beffata troppe volte dagli arbitri in questa edizione dell’Europa League, continua a macinare gioco e al 40′ trova il bis con Kluivert, bravo a sfruttare un assist di Pellegrini e infilare Gunok. Prima del riposo c’è gloria anche per Dzeko, che finalizza un altro assist di Pellegrini e, complice un errore di Epureanu, cala il 3-0 definitivo.